Projekto_logo_final

Portogallo

Le foto raccolte nella nostra mostra digitale illustrano le storie di vita di giovani che si sono trasferiti in Portogallo da diversi angoli del mondo, andando oltre l’Europa in paesi come Angola, Mozambico, Timor Est, Brasile, Venezuela e altri ancora.
Le storie affrontano tre questioni principali:
– Il significato della foto nel loro percorso personale, evidenziando le sfide che loro o le loro famiglie hanno incontrato durante il trasferimento in Portogallo, nonché i risultati o le pietre miliari raggiunti dopo la migrazione.
– I loro sentimenti nel parlare della loro terra d’origine con i membri della famiglia.
– Le loro aspirazioni a tornare a vivere o a visitare il loro Paese d’origine.

Abbiamo preservato il linguaggio e lo stile autentico delle storie per garantire una rappresentazione genuina.

Ho condiviso questa foto. Mi ha ricordato quando sono partita. La mia famiglia si è riunita in questo luogo, ci siamo salutati con affetto, abbiamo scattato foto, ci siamo abbracciati e abbiamo pianto insieme. Sono passati due anni e per la prima volta nella mia vita vivo da sola, lontano dalla mia famiglia. Quindi quella foto significa molto per me e non la dimenticherò mai. Ho una buona comunicazione con la mia famiglia, soprattutto con mio padre e mio fratello maggiore. Mi sento molto a mio agio quando parlo con loro, abbiamo condiviso momenti di felicità e di tristezza. Mi mancano! Un giorno vorrei visitare il mio Paese, spero l’anno prossimo nel mese di luglio.

La tua vita può entrare in due valigie, ma solo i beni materiali. Nel mio cuore ci sono tutte le esperienze, gli aneddoti, l’amore e l’affetto della mia famiglia. La sfida più significativa è stata la lingua che, sebbene simile, è ancora una sfida.

Nostalgia, tristezza.

Ho intenzione di visitare spesso il mio Paese e la mia famiglia.

Le sfide che affrontiamo, come le difficoltà linguistiche, perché di solito parliamo la nostra lingua/creolo, ma cerchiamo di catturare nuovi ambienti, per aumentare l’esperienza. Sono stato contento perché mi hanno raccontato cosa è successo durante il colonialismo portoghese e l’invasione dell’Indonesia. Sì, voglio visitare il mio Paese l’anno prossimo.
Lasciare la mia famiglia e mettere tutto quello che potevo in una valigia di 25 chili per iniziare un nuovo viaggio, all’interno del quale ho incontrato molte difficoltà come la lingua, il clima, la cultura, gli affitti (molto alti), ma all’interno di tutto questo ho trovato persone gentili che mi hanno aiutato con raccomandazioni di lavoro, indirizzi e mi hanno insegnato come funzionano i servizi. Grazie a loro ho potuto iniziare a lavorare e trasferirmi in una zona molto tranquilla con buoni vicini. Nostalgia, entusiasmo, tristezza, speranza, mi mancano tanto! Sì, voglio tornarci.
La sfida di volare via, di ripartire da zero in un nuovo Paese, con una nuova lingua. Affetto, fede, speranza. Vorrei visitare il mio Paese.
La sfida di volare via, di ripartire da zero in un nuovo Paese, con una nuova lingua. Affetto, fede, speranza. Vorrei visitare il mio Paese. La foto rappresenta il primo Natale che ho trascorso fisicamente lontano dalla mia famiglia. Non ero sola o con estranei, ma è stato comunque un momento che mi ha fatto capire che ero lontana dalla mia famiglia. Non è stato e non è un processo facile. Ma col tempo, quando si raggiungono i propri successi, ci si rende conto che il sacrificio vale la pena. Da quando ho lasciato il mio Paese da sola, cinque anni fa, ho fatto cose, incontrato persone e viaggiato in luoghi che non avrei mai immaginato. Un po’ di nostalgia e di nostalgia. Ma anche sollievo per essere riuscita a stare lontana per tutto questo tempo. Solo per visitare (per assaporare il cibo).
Questa foto è stata scattata il giorno del mio arrivo in Portogallo. Credo che la difficoltà più grande che ho avuto quando mi sono trasferita sia stata quella di non avere tutta la mia famiglia qui. Un’altra difficoltà è stata quella di adattarmi alla cultura portoghese, perché sebbene Capo Verde e il Portogallo abbiano molte cose in comune, hanno ancora molte differenze culturali. Per quanto riguarda le conquiste, credo che ce ne siano molte. Essendo in un Paese più sviluppato, ho potuto ricevere un’istruzione migliore, frequentare l’università e chiaramente qui in Portogallo la mia famiglia è in grado di avere una maggiore stabilità finanziaria rispetto a quella che probabilmente avevamo in passato. Mi sento felice e orgoglioso, perché anche se non sono più lì, Capo Verde è il luogo in cui affondano le mie radici e dove si trova la maggior parte della mia famiglia, e orgoglioso perché sempre più artisti e cultura capoverdiani vengono riconosciuti dal resto del mondo. Non ho intenzione di tornare a Capo Verde, ma voglio andarci in vacanza ogni volta che posso.
La foto che ho scelto è quella di una camicia che significa molto per me. Innanzitutto, è un regalo che ho ricevuto da mia madre, quindi è un ricordo che ho di lei, dato che lei e la mia famiglia hanno soggiornato a São Tomé e Príncipe. Inoltre, questa camicia è un capo africano che mi ricorda la cultura del mio Paese attraverso i suoi colori e i suoi motivi. Un anno e due mesi fa sono arrivata in Portogallo da sola con l’obiettivo di studiare e trovare un lavoro. Sto frequentando un corso professionale che mi permetterà di completare il mio dodicesimo anno di scuola e di trovare un lavoro o di andare all’università. Mi manca molto la mia famiglia. Vorrei tornare a São Tomé e Príncipe con conoscenze sufficienti per migliorarla dal punto di vista sociale ed economico.
Questa è una foto della mia gatta Vitória. Vitória mi ha accompagnato per tutto il mio percorso di migrante ed è stata presente in tutti i viaggi che ho fatto tra Francia e Portogallo. Sono nata in Portogallo e mi sono trasferita in Francia con i miei genitori quando avevo quattro anni. Quando ho compiuto 14 anni, i miei genitori hanno deciso di tornare in Portogallo e io sono venuta con loro perché ho sempre amato questo Paese. Amo il Portogallo e mi rendo conto che il mio viaggio mi ha permesso di acquisire responsabilità emotiva e maturità. Tuttavia, mi mancano i momenti trascorsi in Francia. Ho intenzione di tornare in Francia perché la situazione economica in Portogallo è complicata.
Questa è una foto del mio passaporto francese. Anche se è scaduto da qualche mese, lo conserverò sempre perché è stato l’ultimo documento francese che ho usato prima di stabilirmi in Portogallo. La sfida più grande quando sono arrivata in Portogallo è stata quella di padroneggiare la lingua portoghese e ho ancora qualche difficoltà. Sono riuscita a integrarmi facilmente in Portogallo e nel mondo del lavoro perché ero già venuta qui in vacanza, essendo il Paese dei miei genitori. Sento quello che sentivo quando vivevo lì, un gran trambusto. Per questo mi sono stabilita in Portogallo, un Paese più tranquillo e lontano dallo stress della città. Non voglio tornare in Francia.
Questa foto è stata scattata mentre mi trovavo sulla spiaggia di Jericoacoara. Ho scelto questa foto perché è una spiaggia dove andavo spesso con i miei genitori. È una spiaggia molto bella, piena di vita di giorno ma anche di notte, con magnifici tramonti. Questa foto mi fa sentire molto la mancanza del mio Paese e mi ricorda i momenti trascorsi lì con la mia famiglia. Sono venuta in Portogallo con i miei genitori, che hanno scelto questo Paese perché fa parte dell’Unione Europea, ha un livello di sicurezza più alto del Brasile e ha la stessa lingua. Mi manca molto. Per me il Brasile simboleggia l’unità e l’amore tra le persone che amiamo. Non ho intenzione di tornare in Brasile per viverci, ma solo per visitarlo.
Questo portachiavi ha un valore sentimentale poiché, pochi giorni prima di partire definitivamente per il Portogallo, mi è stato regalato dai miei fratelli che mi hanno detto: “È per non dimenticare mai il Paese da cui vieni e che ti ha reso quello che sei”. Sebbene i miei genitori siano portoghesi emigrati in Francia, io e i miei fratelli siamo nati e cresciuti in Francia. Sono rimasti e vivono ancora lì con i miei genitori. Sono venuta a vivere in Portogallo perché ho trovato lavoro qui dopo aver fatto uno stage in Portogallo. La parte più difficile è stata adattarmi a una mentalità diversa quando sono arrivata qui, in particolare al ruolo delle donne nella società, dato che sono cresciuta in una grande città francese e sono venuta a vivere in un villaggio portoghese. Mi mancano i miei genitori, i miei fratelli e i miei amici che sono rimasti in Francia, ma riesco a far loro visita almeno una volta all’anno. Dico spesso che sono portoghese di sangue, ma francese nel cuore. Non ho intenzione di tornare a vivere in Francia, quindi colgo l’occasione per visitarla ogni volta che posso.
Questa foto è stata scattata sulla spiaggia di Milha. È un luogo importante per me perché è lì che ho festeggiato il mio 17° compleanno. Ci andavo con i miei amici e i miei tre fratelli, che mi mancano molto. La cosa più difficile per me è stata adattarmi al clima (più freddo). Sono qui da 3 mesi perché qui c’erano i miei genitori, ma i miei 3 fratelli (più giovani di me) sono rimasti a São Tomé e Príncipe. Mi mancano molto i miei tre fratelli. Non ho intenzione di tornare a vivere nel mio Paese, ma solo di visitarlo.
Questa foto è stata scattata in un luogo dove spesso andavo a passeggiare con i miei amici e mio padre durante il tempo libero. L’immagine mostra il fiume della città di CHUR. L’adattamento non è stato difficile perché mio padre è portoghese e abbiamo sempre parlato in portoghese. Inoltre, conosco la cultura portoghese. L’unica difficoltà è stata scrivere in portoghese perché non ero abituata a farlo. L’aspetto positivo del Portogallo, rispetto alla Svizzera, è che la scuola non si concentra esclusivamente sui voti, sul successo e sul futuro. In Portogallo i rapporti umani sono molto apprezzati, così come l’affetto tra insegnanti e studenti, che è importante anche per qualsiasi giovane che studia. L’aspetto negativo è che in Portogallo è più difficile essere economicamente indipendenti, perché gli stipendi sono bassi e gli appartamenti, le auto, ecc. sono molto costosi. Mi manca viaggiare in treno e ammirare i bellissimi paesaggi. Mi sono anche sentita più sicura in Svizzera che in Portogallo, ma forse perché qui non sono abituata. In Portogallo mi sono ben integrata, quindi non ho intenzione di tornare in Svizzera per vivere, ma solo per visitarla.
Il mio primo giorno qui è stato l’11 maggio. Il 12 mi sono riposato e il 13 sono andato a pregare un po’ a Fátima. Mi è piaciuto andare nella chiesa di Fátima. Mi piacerebbe andarci di nuovo. La nostalgia… Mi manca la mia famiglia. Sì… sì, ma sto ancora cercando lavoro per guadagnare soldi per la mia famiglia. Quando avrò un po’ di soldi, tornerò.
Mi è piaciuto molto visitare Fátima quando sono venuta in Portogallo. Desidero perché è così lontano. E lo vedo solo attraverso un telefono cellulare. Voglio solo visitarla e risparmiare soldi da dare alla mia famiglia.
Ho scelto questa foto perché il mio sogno è quello di diventare un calciatore ed è in Svizzera che ho iniziato a praticare questo sport, al Centro sportivo di Praz Séchaud. Gioco a calcio anche qui in Portogallo, ma è in Svizzera che tutto è cominciato. La cosa più difficile per me quando sono arrivato in Portogallo è stata leggere e scrivere in portoghese. Sapevo parlare perché me lo avevano insegnato i miei genitori, ma non sapevo leggere né scrivere correttamente. Sono qui da pochi mesi, non sono ancora integrata al 100%, ma sto frequentando un corso professionale e mi piace vivere qui. Sono molto orgogliosa di essere di origine portoghese (paese dei miei genitori) e apprezzo la cultura e i paesaggi del paese. Tuttavia, la Svizzera è il Paese in cui sono cresciuto e dove ho lasciato degli amici, quindi mi manca. Il mio sogno è diventare un calciatore. Potrebbe essere qui in Portogallo, in Svizzera o in un altro Paese, quindi non so ancora se tornerò nel mio Paese d’origine.
Ce ne sono così tanti. Mi piace il turismo. Desideri, molti desideri. Mi manca la mia famiglia. Vorrei solo visitarla.
Ho scelto questa fotografia perché simboleggia il mio Paese. È un’icona culturale che fa parte del paesaggio di Rio de Janeiro. Da lassù si ha una bella prospettiva di Rio de Janeiro. Ho scelto questa fotografia perché ero lì con i miei nonni che sono rimasti in Brasile. Sono venuta in Portogallo perché è un Paese più sicuro, con migliori condizioni sanitarie e un maggiore potere d’acquisto. La lingua è praticamente la stessa. Ho frequentato una scuola professionale per prepararmi meglio alla vita professionale. Mi mancano molto la mia famiglia e i miei amici. Non penso di tornare nel mio Paese d’origine per vivere, ma solo per visitarlo.
La borsa rappresenta il mio viaggio in Portogallo. La sfida più grande è stata abituarsi al freddo ed è stata anche una sfida imparare la lingua del Paese che ci ha accolto. Una delle conquiste o dei successi è stata l’adesione al progetto “decidi tu” – E9G e la partecipazione a un club di calcio (NDS). Mi è sempre piaciuto giocare a calcio ed entrare nella NDS mi ha permesso di sviluppare questo potenziale. Un altro risultato è che ora viviamo in una casa con condizioni migliori. Mi mancano i miei amici e la mia cultura e mi manca vivere più vicino alla mia religione. Per esempio, a Guarda non ci sono moschee. Certo. Mi piacerebbe andarci in vacanza.
Questa fotografia traduce l’amore. I miei genitori hanno deciso di venire in Portogallo 20 anni fa e questa foto è stata scattata quando i miei nonni sono venuti a trovarci. All’epoca, sia io che mia sorella eravamo bambini e per questo motivo non ci sentivamo molto. Ma per i miei genitori è stato diverso, l’adattamento è stato più difficile. Problemi di distanza, nostalgia e xenofobia sono stati alcuni degli ostacoli che hanno dovuto affrontare. Oggi siamo molto felici in Portogallo e speriamo di andare presto in Brasile. Mi manca molto, moltissimo. No, purtroppo, ma vado sempre a trovarlo.
Siamo andati a Macedo de Cavaleiros quando siamo arrivati in Portogallo, ci è piaciuto. La chiesa di Macedo de Cavaleiros è molto grande e bella. Ora voglio andare in quella chiesa che indica il “Bom Jesus do Monte”, a Braga. Mi manca molto il mio Paese. Dipende, io lavoro qui per avere dei soldi. Dopo 6 mesi tornerò a visitare il mio Paese e la mia famiglia.
Quando sono arrivato in Portogallo, mi è piaciuta molto la chiesa di Santo António, a Lisboa (Lisbona). Mi manca molto, molto il mio Paese. Non per vivere. Vorrei solo visitarlo.
Quando penso alla Svizzera, mi viene in mente la fabbrica di cioccolato Cailler. Vivevo vicino alla fabbrica e sentivo l’odore del cioccolato. Quando succedeva, significava che il giorno dopo avrebbe piovuto. Sono venuta in Portogallo perché mia nonna è diabetica e ha bisogno di qualcuno che si occupi di lei. Desiderio. Non ho preferenze in fatto di Paesi, ma mi manca il cibo. In Svizzera la vita è migliore. Ho intenzione di visitarla. Per quanto riguarda la vita… non sono ancora sicura.
Questo braccialetto è l’oggetto più antico che ho portato con me in Portogallo ed è legato al mio Paese d’origine. La parola “Gwanda” è una combinazione dei nomi dell’isola di Guadalupe, dove sono nata e ho vissuto fino all’età di 10 anni, nel 2012. Il trasferimento in un altro Paese fa parte della storia della mia famiglia. I miei nonni sono nati in Portogallo e sono emigrati in Francia, dove è nato mio padre. Per motivi professionali, mio padre si è trasferito sull’isola di Guadalupe, un dipartimento della Repubblica francese situato nei Caraibi, dove ha conosciuto mia madre. Ho vissuto sull’isola fino al 2012, quando i miei genitori hanno deciso di trasferirsi in Portogallo. Prima di questo trasferimento, non ero mai stata in Portogallo e non parlavo la lingua portoghese, il che ha reso difficile l’adattamento a questa nuova vita. Col tempo, però, mi sono abituata all’idea, al clima e al cibo e ora mi sento a casa. Mi mancano il clima, le spiagge, il modo di vivere e di accettare la vita delle persone, il cibo, la gioia della gente. Sì, mi piacerebbe tornare a vivere nel mio Paese d’origine dopo aver finito l’università.
È la foto di una spiaggia di Luanda, la città in cui sono cresciuto. Sono qui da sei mesi. Venire in Portogallo è sempre stato un mio sogno, con la speranza di avere migliori prospettive future. I miei genitori hanno accettato e mi hanno permesso di venire qui. Sono arrivato con un amico, anche lui di Luanda. Il Portogallo offre molte opportunità rispetto all’Angola e la lingua, essendo la stessa, lo rendeva la destinazione più adatta. La parte più difficile è stata lasciare i miei genitori e imparare a vivere da sola come un’adulta. Sto scoprendo che vivere lontano dalla casa dei miei genitori richiede una prospettiva diversa; sto imparando a gestire il mio budget, a confrontare i prezzi, tra le altre cose. Sono venuta qui per studiare e intendo andare all’università. Sono molto orgogliosa del mio Paese, che è molto ricco di cultura, gastronomia, musica, paesaggi e mi manca molto la mia famiglia, soprattutto i miei genitori. Non pretendo di tornare nel mio Paese per vivere, ma per visitarlo e uccidere la nostalgia.
È la foto di un piatto tipico dell’Angola: il pollo moamba. Sono in Portogallo da cinque mesi e mi manca molto il cibo del mio Paese. Sono venuta in Portogallo per studiare perché qui c’è mio padre, ma mi mancano mia madre, la mia famiglia, i miei amici e tutto ciò che mi ricorda la mia vita lì, come il cibo e le spiagge. Mi manca il mio Paese. Penso che tornerò in Angola per visitare la mia famiglia, ma non per viverci di nuovo.
São Tomé è un’isola meravigliosa con spiagge bellissime. Questa fotografia è stata scattata a Boca do Inferno, che mi ricorda quanto ero felice quando ho visitato questo luogo con la mia famiglia. Questa fotografia rappresenta la bellezza dei fantastici paesaggi del mio Paese. Sono venuta in Portogallo per studiare quattro mesi fa, ho viaggiato da sola in aereo, ero piena di paura ma tutto è andato bene. La parte più difficile è stata la paura di arrivare in un Paese sconosciuto, ho imparato a chiedere quando non so qualcosa o ho bisogno di qualcosa, e soprattutto ad essere attenta a tutto ciò che mi circonda. Mi mancano immensamente la mia famiglia e i miei amici, così come il clima del mio Paese. Non credo che tornerò a vivere a São Tomé, ma certamente, ogni volta che ne avrò l’opportunità, ci farò visita.
Ho un legame speciale con l’isola di Mozambico: è lì che ho trascorso gli ultimi momenti di vita dei miei genitori. Parlo con entusiasmo del Mozambico. Mi piace condividere con gli altri la bellezza del mio Paese. Vivere da sola è una sfida. Ho dovuto adattarmi all’indipendenza ed essere consapevole degli ostacoli che avrei incontrato. Tuttavia, il mio sogno è sempre stato quello di studiare all’estero. Mia madre vuole che io rimanga qui [in Portogallo]. Non vuole che torni indietro, perché il mio sogno è sempre stato quello di studiare all’estero. Quando si è presentata l’occasione, è stata la prima a incoraggiarmi, occupandosi di tutto per facilitare il mio arrivo. Il resto della famiglia, invece, avrebbe preferito che rimanessi. Sicuramente ho in programma di visitare di nuovo il mio Paese. Tuttavia, non ho intenzione di tornare in modo permanente. L’idea sarebbe quella di trascorrervi le vacanze.
I paesaggi e la cultura di São Tomé e Príncipe sono un segno che porto con me e che non dimenticherò mai. È la garanzia che il mio Paese sarà sempre presente nella mia mente. L’adattamento in Portogallo non è stato difficile. Sono venuta qui per studiare e oggi vivo da sola. Nonostante le difficoltà di vivere da sola, so che con il tempo mi abituerò. Mi manca la mia patria, perché è il luogo in cui sono nata e cresciuta. È il luogo in cui conosco la maggior parte delle persone. Apprezzo molto il mio Paese e desidero tornarci a vivere in futuro.
Questa è una fotografia di una spiaggia di São Tomé e Príncipe. Ha un grande significato perché mi piaceva passare del tempo lì con i miei amici, i miei cugini e mia madre. È anche una fotografia che mi rende triste perché mi ricorda i momenti che ho trascorso lì e che mi mancano. Tristezza e nostalgia, perché mi mancano molto il cibo, il clima e le spiagge del mio Paese, oltre ai miei amici e alla mia famiglia. Sono venuta in Portogallo per studiare e trovare un buon lavoro, per questo non ho intenzione di tornarci per vivere, ma solo per visitarlo.
São Tomé e Príncipe è un luogo incredibilmente bello, pieno di frutti meravigliosi e altre importanti ricchezze. Quando penso a São Tomé, mi vengono subito in mente i paesaggi e mi manca quello scenario unico. Il mio adattamento al Portogallo è stato facile. Mi manca molto il mio Paese. Anche se intendo rimanere qui, desidero tornare a visitare il mio Paese d’origine.
Questa fotografia rappresenta la bellezza del mio Paese, con i suoi splendidi paesaggi e le sue magnifiche spiagge. Sono arrivato in Portogallo da solo, lasciando i miei genitori, i miei fratelli e la mia famiglia allargata. Sono arrivato per studiare e frequentare un corso professionale di informatica qualche tempo fa. Poi ho frequentato l’università e ora intendo tornare nel mio Paese perché voglio migliorarlo e sfruttare tutto ciò che ho imparato in Portogallo. I primi anni in Portogallo sono stati difficili perché non ho ricevuto molte notizie sulla mia famiglia. Tuttavia, il Portogallo mi ha accolto calorosamente e questo ha contribuito a formare la persona che sono oggi. Mi manca molto: la gastronomia, i paesaggi, ma soprattutto le persone, in particolare la mia famiglia. Sì, sicuramente. Ho acquisito conoscenze sufficienti per tornare a Timor Est e contribuire allo sviluppo economico del mio Paese.
Questa fotografia rappresenta un piatto di Timor Leste. Sebbene ci siano molti piatti tipici del mio Paese, ho potuto includere solo una fotografia. Questo era uno dei piatti che mia madre preparava quando la mia famiglia veniva a pranzo. Mi mancano molto quei momenti. Sono venuta in Portogallo per ampliare le mie opportunità di trovare un lavoro migliore. Ho seguito un corso professionale qui e spero di tornare a Timor Est un giorno. Mi mancano molto le persone che ho lasciato lì, l’ambiente, il modo di vivere, il cibo, tutto… Vorrei tornare nel mio Paese e viverci di nuovo, ma non so come andranno le cose qui d’ora in poi.
Ho scelto questa fotografia perché rappresenta la gente che lavora a Timor Leste. Sono venuto in Portogallo per studiare e ampliare le mie competenze. Ho seguito un corso professionale di informatica e ora frequento l’università. La mia famiglia è rimasta nel mio Paese. Sono stato accolto bene in Portogallo, ma naturalmente il mio Paese sarà sempre Timor Est. Nonostante le difficoltà che il mio Paese ha attraversato, la gente è laboriosa e combattiva. Sono molto orgoglioso e mi manca molto il mio Paese. Sì, intendo tornare a Timor Est e utilizzare le conoscenze acquisite qui in Portogallo per migliorare le condizioni di vita della popolazione del mio Paese.
Rappresenta la valigia che abbiamo portato con le nostre cose. La sfida è stata la lingua. Mi sento bene. Non so ancora se tornerò a vivere lì.
È l’ultima foto che ho scattato dalla finestra di casa mia, il giorno prima di emigrare. Abbiamo dovuto ricominciare la nostra vita, tornare alle scuole superiori, senza conoscere il portoghese, e affrontare un cambiamento totale delle condizioni climatiche. Credo che la parte più difficile sia stata trovare il nostro posto. Per quanto riguarda le conquiste: i miei genitori hanno aperto una loro panetteria e io finirò la mia laurea in infermieristica quest’anno 🙂 . Per una persona che non sapeva nemmeno se sarebbe riuscita a finire le superiori, credo di essermela cavata piuttosto bene. Desiderio, tristezza, dolore, rabbia. Sì, vorrei visitare di nuovo il mio Paese.
È una fotografia della spiaggia di Morena, situata nella città in cui sono nato (Benguela, in Angola). Quando penso al mio Paese, mi vengono in mente i miei amici. Conservo una fotografia che ci ritrae tutti insieme, un ricordo del tempo in cui siamo cresciuti fianco a fianco. Il loro ricordo è impresso nella memoria del mio Paese d’origine. L’adattamento al Portogallo ha comportato alcune sfide. Nel mio Paese avevo tutto il sostegno della mia famiglia, ma ora siamo solo io e mio fratello, il che rende le cose più complicate. Lui è nel mercato del lavoro, mentre io mi dedico agli studi. La gioia mi riempie il cuore quando penso alla mia patria. Tuttavia, è stato venendo qui [in Portogallo] che ho vissuto una crescita significativa. Ho imparato cose che avrebbero richiesto più tempo per essere assimilate se fossi rimasta lì. Sono diventata più indipendente uscendo dalla mia zona di comfort. Ciò che mi fa venire voglia di tornare è la gente, non solo il luogo in sé. Il legame sta nei rapporti con le persone, soprattutto con la mia famiglia. Questa è la vera ragione che mi spinge a tornare. Tuttavia, la decisione di tornare dipende anche dalle opportunità che mi vengono offerte. Se qui mi vengono offerte maggiori opportunità di crescita e sviluppo, sono disposta a rimanere. Il mio progetto è di continuare a laurearmi in progettazione di costruzioni meccaniche e di rientrare nel mercato del lavoro. In seguito, intendo conseguire una laurea.
Quando penso al mio Paese, mi viene subito in mente l’immagine del mare. I paesaggi sono incredibilmente belli, con grandi acque in cui fare il bagno. São Tomé e Príncipe è un paese bellissimo, dove sono nato e cresciuto. Ho deciso di venire qui per studiare e per trovare condizioni di vita migliori. Se l’istruzione nel mio Paese fosse stata simile a quella del Portogallo, forse sarei rimasto lì. La situazione economica non è delle migliori, ma è comunque un posto speciale per me. nostalgia. Mi manca molto il mio Paese. Anche se sono venuta qui in cerca di nuove opportunità, ho intenzione di visitare il mio Paese. Per quanto riguarda la possibilità di tornare a vivere lì, non ne sono ancora sicura. L’esperienza di lasciare il mio Paese è stata straordinaria, soprattutto perché non avevo mai viaggiato in aereo. La mia famiglia mi ha sostenuto nella mia decisione di venire qui, ma mi ha sempre incoraggiato a considerare la possibilità di tornare a casa.
Conservo São Tomé e Príncipe nei miei ricordi attraverso innumerevoli fotografie. Prima di lasciare la mia terra, vi ho scattato molte foto nel tentativo di conservare i momenti speciali. Io e la mia famiglia abbiamo esplorato luoghi turistici e goduto delle spiagge, registrando ogni esperienza in video, sapendo che la distanza ci avrebbe tenuti lontani per molto tempo. La decisione di partire ha significato un salto fuori dalla mia zona di comfort, un viaggio che, col tempo, ha rivelato la mia crescita personale e la vera essenza del mio essere. Ho scoperto di essere resiliente e coraggiosa di fronte ai cambiamenti culturali e sociali che ho affrontato in un nuovo ambiente. I primi mesi sono stati impegnativi, ma con il tempo sono riuscita ad adattarmi. È passato quasi un anno dal mio arrivo e ora, guardandomi indietro, mi rendo conto che le sfide iniziali sono state superate. Qui mi sento un buon rappresentante di São Tomé e Príncipe. Rappresento una comunità che raramente emigra. Dei miei sette fratelli, solo uno è qui in Portogallo con me; gli altri hanno scelto di rimanere a casa. Io ho preferito rimanere, nonostante le differenze tra i due Paesi. Ciò che è facile qui può essere un compito difficile là. Rispetto al Portogallo, São Tomé e Príncipe presenta molte difficoltà economiche. Anche se mi manca la vicinanza della mia famiglia e il calore del suo affetto, credo che la vita qui sia migliore. La realtà economica di São Tomé e Príncipe è difficile, con un alto tasso di disoccupazione e una dipendenza instabile dal turismo, dalla pesca e dall’agricoltura. La mancanza di mezzi per sopravvivere spinge molti a emigrare, soprattutto i giovani, che cercano opportunità nei Paesi europei e americani. La mia famiglia, che ha sempre lavorato nel settore agricolo, ha dovuto affrontare sfide pesanti e complesse. L’agricoltura locale non è organizzata e manca di grandi industrie. Emigrare è diventata una scelta necessaria per chi cerca una vita più stabile. Anche se al momento non ho l’idea di tornare a vivere lì, almeno non nel prossimo futuro, forse ci penserò tra 30 anni. Venire in Portogallo mi ha cambiato la vita. Sono cresciuta e ho scoperto di più su me stessa. Ho imparato a essere indipendente, ad affrontare le sfide e a gestire le mie emozioni. Ogni giorno vissuto è un viaggio emozionante, anche se pieno di sfide.
Questo cambiamento mi ha permesso di fare nuove esperienze e ha mostrato differenze nel comportamento delle persone. Mentre a São Tomé ci salutiamo con un “Buongiorno” e un sorriso sul viso, qui questa consuetudine sembra mancare e a nessuno importa delle apparenze casuali. Le persone qui mostrano una pazienza notevole e mi hanno accolto bene. Al contrario, il clima freddo non corrisponde a quello che avevo in mente. L’adattamento, nonostante la stanchezza iniziale, si è rivelato positivo, poiché sono venuto qui con un obiettivo chiaro: studiare e ottenere una laurea. Ho affrontato sfide, ma man mano che ho fatto amicizia a scuola, la mia esperienza è migliorata. La qualità della vita qui è notevolmente buona e non rimpiango la mia decisione di venire. Tuttavia, mi manca spesso mia nonna. Anche se ho entrambi i genitori qui, non si sono ancora stabiliti. Oggi, se dovessi trasferirmi di nuovo in un altro paese, credo che potrei adattarmi. São Tomé mi appare nella mente come un paradiso con spiagge spettacolari. La spiaggia Governadora e la spiaggia di Morro Peixe sono molto belle. Mi mancano molte cose, dai piatti tipici ai momenti di relax in passeggiate e feste con gli amici. Riguardo al futuro, ho intenzione di tornare a visitare São Tomé, ma vivere di nuovo lì… solo il tempo potrà dirlo. Per ora la risposta è incerta. Se guadagnassi molto denaro, tornerei nel mio paese.
Questa fotografia mostra la città in cui ho vissuto per 14 anni! La mia adattabilità è stata molto rapida. Quando i miei genitori hanno deciso di venire in Portogallo, avevo paura di come sarebbe stato quel cambiamento totale nella mia vita. Avevo preoccupazioni su come avrei fatto amicizia, com’è stata la mia quotidianità, come stavano i miei amici e familiari, e come avrei gestito il lasciare tutto dietro! Oggi, penso ancora alla vita che ho lasciato in Brasile, e mi mancano molte cose che sono rimaste, ma ora sono ben abituato a quel cambiamento! Ho già fatto molti amici e ho avuto molti successi qui che forse non avrei potuto raggiungere in Brasile. Ricordo che il mio primo giorno di lezione, proprio quando sono arrivato in Portogallo, sono arrivato durante la pausa pranzo, impaurito da come sarebbe stata la mia accoglienza. Mi sono trovato di fronte a molte persone che mi aspettavano, curiose di sapere della mia vita in Brasile! In quel giorno, sono stato ben accolto, ed è stato qualcosa che ha tolto la paura di abituarmi a tutto il nuovo che avrei dovuto fare! Grazie alle amicizie che ho fatto, sono riuscito ad adattarmi a questa nuova vita. Nostalgia. Mi manca davvero il mio paese. Solo per visitare, non per viverci.
Torna in alto