Projekto_logo_final

Lituania

La foto descrive la prima volta che ho visitato la Lituania, per vedere il mio ex fidanzato che era lituano. Sono rimasta molto colpita dalla calma e dall’accoglienza e ho pensato che forse avrei potuto trasferirmi qui. Dopo 6 mesi ho ricevuto un’offerta di lavoro e ho deciso di trasferirmi. Ho ricominciato tutto da zero qui, lavoro, carriera, amici. All’inizio è stato molto difficile perché non capivo la cultura. Ero molto triste per questo motivo. Dopo 5 anni posso dire che finalmente mi sento a casa. Sono libera professionalmente, ma la cosa che mi ha fatto crescere di più è stata quella personale. Sono più aperta, ho imparato a trattare con persone diverse. Ho la mia comunità di persone che mi seguono sui social media (ho un account dove faccio battute sulla Lituania e condivido la mia esperienza qui con le persone). Ora posso dire che mi piace stare qui e che ho molte opportunità. I miei genitori non hanno mai lasciato la Romania e io sono sempre in visita, quindi non mi sembra che il modo in cui parlavamo del Paese sia cambiato. Vengo in visita almeno 3 volte all’anno, non sono emigrata in Lituania in cerca di una vita migliore, mi sono trasferita lì solo per amore.
Lasciare l’Ucraina ha comportato molte sfide, dalla perdita di amici e persone conosciute, alla paura e alla tristezza costanti. Questa è la foto del giorno in cui il nostro Presidente Volodymyr Zelenskyy ha tenuto un discorso a Vilnius. È stata la prima volta che, dopo un lungo periodo, ho sentito un minimo di speranza mista a felicità… Dopo quel periodo mi sono sentito più forte, in grado di affrontare tutte le difficoltà che non avrei dovuto affrontare. È straziante, mi manca tanto il mio Paese. È ancora peggio quando non sai cosa potrebbe accadere e l’unica cosa che voglio è che la gente del mio Paese sia al sicuro. Sì, l’Ucraina sarà sempre la mia casa.
È stato grazie alla nostra auto che siamo riusciti ad arrivare qui senza guasti, se non fosse stato per lei non saremmo riusciti a partire. La cosa più difficile è che alcuni membri della mia famiglia trovano molto difficile il fatto che ora non siamo a casa, ma in un Paese straniero, e sentono la mancanza di casa… Dopo la migrazione, ho trovato amici che non avevo in Ucraina. Sono molto preoccupata per la mia casa e la mia città natale, Kherson. Non voglio tornare in Ucraina.
Quest’ultima foto è stata scattata nella mia galleria prima che io, mia madre e mio fratello lasciassimo la nostra casa, quindi ha un significato speciale per me. Le sfide erano generalmente legate all’abituarsi alla vita in un nuovo Paese, era moralmente difficile sentirsi al sicuro quando gli altri cittadini ucraini rimasti a casa erano in costante pericolo. È stato difficile inserirsi nel nuovo ambiente e abituarsi alla nuova lingua. Per quanto riguarda i miei risultati, posso dire che cerco di essere utile agli ucraini della città in cui vivo, partecipo a progetti di volontariato e faccio uno stage presso l’Ambasciata dell’Ucraina. È estremamente difficile quando parlo con mia nonna e mio padre che sono in Ucraina. È difficile capire che sono in costante pericolo, è difficile parlare con loro perché non sappiamo cosa fare dopo, e solo la speranza e la fede nelle Forze armate ci tengono al caldo. Naturalmente, vedo il mio futuro solo nella mia terra natale.
La foto è quella di me e della mia unica cara amica, mi manca molto. Il 24 febbraio, quando è iniziata la guerra, un amico me ne ha parlato, l’unica domanda che avevamo era se dovevamo andare a scuola. Non provavo alcun sentimento di paura o altro, a differenza di mia madre. Per una settimana abbiamo vissuto nel corridoio e una volta abbiamo provato ad andare al rifugio, ma non era attrezzato, quindi non ci siamo più andati. Il 3 marzo mia madre è crollata e mi ha detto di fare le valigie. Non ricordo cosa sia successo dopo, ricordo che eravamo già sull’autobus Kyiv-Lviv. A Lviv abbiamo cambiato i soldi e siamo saliti sull’autobus Lviv-Dogana polacca; quando siamo arrivati, l’autista ha detto che dovevamo scendere e continuare a camminare. Quando abbiamo raggiunto il confine con l’Ucraina, non ricordo molto di quello che è successo dopo, di conseguenza siamo rimasti al freddo di notte per circa cinque ore, mi sono sentita molto male, stavo già piangendo, le donne con i bambini hanno iniziato a inveire per far passare tutti. Dopo aver superato la zona di transito, i militari hanno iniziato a portarci via con una torcia elettrica, sembrava che fossimo una specie di cani da cortile. Quando siamo arrivati in Polonia, ci hanno preso i documenti, ci hanno dato biscotti e succhi di frutta e ci hanno detto di aspettare un autobus che avrebbe dovuto portarci nella città più vicina, in un centro commerciale che era stato trasformato in un centro per rifugiati con un mucchio di brande in diverse postazioni di cibo. Più tardi, un amico di mia madre venne a prenderci e ci portò a Vilnius. Lì ci ha fornito tutti i nostri bisogni e servizi, ci ha affittato un appartamento, ci ha comprato del cibo, ci ha installato il wi-fi, ci ha portato prodotti chimici e altre cose, piatti e ci ha anche aiutato con i soldi. Ci ha aiutato per molto tempo, finché non ci siamo rimessi in piedi. Anche se ci siamo sistemati e abbiamo fatto amicizie e conoscenze, ho una gran voglia di tornare a casa perché il mio amico è ancora lì e io vorrei tornare a casa.
Questa foto mi ricorda che bisogna essere felici e allegri. Quando parlavo con i miei familiari, ero triste, ma ora non provo quasi più nulla. Ma non dimentico da dove vengo. No, non voglio tornare in Ucraina in modo permanente, ma per visitarla.
Salve, oggi ho 15 anni, quando è iniziata la guerra ne avevo 13. A quel tempo ero a Kharkiv (a Saltovka). Ho lasciato Kharkiv due domeniche dopo l’inizio della guerra, intorno all’8-9 marzo. Mia madre era quella che aveva più paura della guerra, ricordo che diceva che dovevamo partire, ma non riuscivamo a metterci d’accordo e a decidere. Quando decidemmo, l’intera notte fu molto tesa, Charkiv veniva bombardata da ogni parte e c’erano colpi vicino a casa mia, eravamo tutti molto spaventati. Per prima cosa sono andato nella città di Liubotyn (regione di Charkiv), c’erano ingorghi e abbiamo guidato per molto tempo, e c’erano esplosioni nelle vicinanze, non c’era connessione, niente, tutti erano nel panico. Con la mia famiglia siamo rimasti lì per un mese e mezzo, finché non c’è stata un’esplosione vicino a noi, un ponte vicino alla ferrovia è saltato in aria, e allora mia madre ha detto che era finita, saremmo partiti. Ci stavamo preparando e un vicino di casa ci disse che i vigili del fuoco ci avevano informato che questa notte sarebbe stata molto turbolenta e che avremmo dovuto dormire nel seminterrato, abbiamo dormito con i vestiti addosso per poter scappare se fosse successo qualcosa, è stato incredibilmente spaventoso. E quando siamo partiti per Lviv, sul treno non c’era quasi nessuno e viaggiavamo con il nostro gatto, anche lui molto spaventato. A causa degli arrivi, il treno si fermava e spegneva le luci molto spesso, e il gatto non ci dava tregua per tutto il viaggio. Durante il viaggio abbiamo cercato un posto dove portare il gatto e l’abbiamo trovato. Siamo arrivati a Lviv verso le 22 e alla stazione c’erano molti volontari che ci hanno aiutato e una delle ragazze ha preso il nostro gatto. Abbiamo passato la notte, dormendo poco, e al mattino ci hanno detto che c’era la possibilità di andare in Polonia, mia madre ha detto che saremmo andati, tutti erano favorevoli. Al confine non c’era quasi nessuno, così siamo partiti in fretta, ma a mio zio non è stato permesso di partire ed è andato con il suo gatto dai miei nonni nella regione di Dnipro. All’inizio eravamo vicino al confine con la Polonia e lì abbiamo mangiato, ci siamo puliti e ci hanno detto che c’era la possibilità di andare a Varsavia, così siamo partiti. Siamo arrivati tardi e una donna polacca ci ha accolto e ci ha dato una stanza e tutto ciò di cui avevamo bisogno. Mia madre disse che dovevamo andare nei Paesi baltici, cercammo i biglietti e una donna polacca ce li comprò, le fummo molto grati. Quando andammo a Vilnius, sapevo che c’era la mia migliore amica e che avremmo vissuto insieme in uno degli alberghi del centro della capitale, il che fu molto rassicurante. Il viaggio è stato lungo e difficile, mia madre era molto preoccupata per come avremmo vissuto qui. Ora sono a Vilnius da circa 2 anni e mi piace molto. Qui ho gli amici migliori, frequento la scuola migliore e mi piace tutto. Penso di vedere il mio futuro in Europa perché qui mi piace di più. Le mie emozioni durante la partenza sono indescrivibili, ero triste e felice allo stesso tempo, il fatto di non conoscere il futuro mi spaventava molto, ero triste e felice a volte, avevo emozioni molto contrastanti. Ma nonostante tutto questo, sono molto grata a mia madre, che ha organizzato tutti i viaggi, ha calmato me e mia sorella, anche se è stato molto difficile per lei. Quando parlo dell’Ucraina con la mia famiglia sono sopraffatta da vari sentimenti ed emozioni, ricordi. Mi piacerebbe visitare l’Ucraina.
Questa è una foto di un rifugio. Il 20 febbraio, mentre passeggiavamo nel parco come una famiglia, ho sentito per la prima volta i miei genitori dire che i telegiornali parlavano di una possibile offensiva russa contro l’Ucraina. Ci scherzavamo su, e ovviamente non ci credevo. Poi, il 23 febbraio, sono andato a letto e non ho sospettato nulla. Mia madre mi ha svegliato alle 5 del mattino con le parole “Veronika, svegliati, è iniziata la guerra”. Ero spaventata, stavo facendo i bagagli, non potevo fare colazione perché tutto il mio corpo tremava. Io e mia madre abbiamo visto un enorme ingorgo, suoni di esplosioni e code per l’acqua. Abitavamo vicino a Kiev (Kriukivshchyna) e senza pensarci due volte decidemmo di andare a casa di mia nonna a Bohuslav, dove era più tranquillo che a Kiev. Siamo partiti per un viaggio difficile, io, mia madre e il mio gatto, abbiamo viaggiato per 6 ore, anche se di solito ci vuole 1 ora per arrivare. Lungo la strada ho visto molto fumo e fuoco, erano i villaggi che stavamo attraversando e in quel momento ho avuto molta paura. Quando arrivammo a casa di mia nonna, allestimmo un seminterrato e ci andammo tutte le sere, la sirena era proprio vicino alla casa di mia nonna e il suo suono mi faceva provare molta paura e odio. Rimanemmo lì per 2 settimane e decidemmo di andare in Lituania, proponemmo ai nonni, alle zie, ai cugini, ai vicini di casa, ma nessuno voleva venire con noi, lo chiedemmo a loro, ma fu tutto inutile. Ci siamo riuniti dopo queste 2 settimane, mi è sembrata un’eternità, queste serenate, aerei, missili da crociera, lacrime. Siamo andati in Lituania perché il mio patrigno era lì, era venuto per lavoro e sarebbe dovuto tornare a casa il 23 febbraio, ma non l’ha fatto, così abbiamo deciso di andare da lui. Abbiamo attraversato il confine con la Moldavia e sulla strada per andare da lui abbiamo visto molti edifici bombardati dai russi e il mio cuore si è spezzato dal dolore per il fatto che tutto ciò avveniva nel mio Paese. Il 3 marzo abbiamo lasciato l’Ucraina e in Moldavia siamo rimasti 3 giorni, abbiamo vissuto con altre tre famiglie in un appartamento. Una donna ci ha negato le chiavi della sua macchina e siamo rimasti per andare tutti insieme, lei guidava male e il mio patrigno è venuto da noi in Moldavia per aiutarci. Poi siamo andati in Romania, dove dei volontari ci hanno aiutato e abbiamo passato la notte in un campo nei sacchi a pelo ed era già il 6 marzo, il mio compleanno, non era affatto come me lo immaginavo, ma ero grata di essere viva e di stare bene. Abbiamo proseguito per la Slovacchia e poi per l’Ungheria, dove abbiamo passato la notte, ma in un hotel dove ci hanno preso quasi tutti i soldi e faceva schifo, era fumoso, ma abbiamo passato la notte e poi mia madre ha guardato nella sua borsetta e si è accorta di aver perso la patente, era un rottame, ma abbiamo continuato a guidare. E ora siamo già in Lituania, non sappiamo dove vivere, ma delle persone gentili ci aiutano e ci danno la loro casa in cui vivere, era molto vecchia e stavano per demolirla. Hai firmato, viaggiato, cercato molti documenti. E ora sono ancora qui in Lituania, sono molto grata per il suo sostegno e per i molti simboli ucraini, ma non mi sento ancora come a Kiev e sogno di tornare nella pacifica Kiev! Mia madre e io sentiamo molto la mancanza della nostra Ucraina.
È solo una foto di un bellissimo cielo nella mia città natale. Provo molta nostalgia quando parlo dell’Ucraina con la mia famiglia e vorrei tornare a viverci.
È una foto scattata da me mentre guardavo l’alba e mi rendevo conto che presto sarei stata lontana dalla mia nativa Kherson. Ogni volta che si parla della mia patria, sono sopraffatto dalla tristezza, dai ricordi del passato, dalla felicità sottovalutata del periodo prebellico. Naturalmente ho il desiderio di tornare in Ucraina, ma per ora solo per visitarla.
Questa composizione nella foto è stata fatta da me e dai miei amici, e la ricordo perché eravamo insieme in quel momento. Mi piace parlare dell’Ucraina con la mia famiglia, soprattutto di argomenti tristi, ma anche di altre cose. Voglio tornare a vivere in Ucraina, ma dopo gli studi.
Questa è una foto di mia madre che mi ha sostenuto durante il viaggio e non mi ha mai fatto perdere la testa. Dopo l’emigrazione, mi sono distinto in chimica. Sono preoccupato per il destino del mio Paese e degli ucraini, ma vorrei tornare a vivere lì.
Questa foto è stata scattata esattamente a 10 chilometri dal confine con la Polonia. Quando abbiamo attraversato il confine, siamo arrivati a Varsavia e siamo arrivati al centro di accoglienza per gli ucraini, ho iniziato a piangere senza capire perché, probabilmente a causa di tutto il trambusto per il nuovo Paese e la nuova città. Sono preoccupata per i miei parenti (nonni) che non vogliono partire, almeno dalla regione di Donetsk. Ho un grande desiderio di tornare nel mio Paese e di studiare all’università, di visitare il Donbas.
Questa foto è stata scattata il mio secondo giorno in Grecia, quando siamo arrivati sull’isola. Abbiamo vissuto in Grecia per poco più di un mese, poi ci siamo trasferiti in Lituania. In Lituania ero già tra i primi 20 studenti di programmazione del Paese. È molto difficile per me ricordare la mia vita prima della guerra e del trasferimento, tutto era più facile e sapevo cosa sarebbe successo il giorno dopo. Sì, non so se vivere lì [Ucraina], ma voglio davvero visitarla regolarmente.
Questa è una foto della mia gatta Busya. Attualmente si trova nella mia città natale, Nikopol, con mia madre e la mia famiglia. Quando parlo di Ucraina con la mia famiglia, nel mio cuore ci sono solo ricordi e calore…. Vorrei tornare in Ucraina
Questa foto che condivido con voi indica una nuova fase di sfida nella mia vita. In questa foto, non riesco più a percepire il mondo come prima. 25.02.22 Passiamo la notte in cantina e di tanto in tanto corriamo nella cantina del nostro vicino perché è più grande. È così che va la nostra settimana. Sirena dopo sirena, esplosioni, qualcosa che brucia, interruzioni di corrente, niente acqua calda… 05.03.22 Di notte, una granata ha colpito la casa dei nostri vicini nella nostra strada e l’onda d’urto ha mandato in frantumi le nostre finestre. 06.03.22 Il ponte principale non è ancora stato fatto saltare, quindi i nostri vicini stanno progettando di partire per l’Ucraina occidentale e ci offrono di andare con loro. Ma ci sono solo 2 posti disponibili… Abbiamo deciso di partire… La sera del 6 marzo preparammo gli zaini, uno per ogni persona. Papà non sarebbe venuto con noi. 07.03.22 Eravamo già in viaggio e non dimenticherò mai il silenzio che regnava in macchina. Per le strade non c’era nessuno, a parte la polizia. Abbiamo attraversato villaggi, campi, perché la solita strada dritta era pericolosa. Siamo riusciti a partire, abbiamo attraversato il ponte. Dopo un po’ abbiamo scoperto che in seguito altre auto hanno iniziato a sparare. C’erano grandi ingorghi. Siamo arrivati a Boryspil appena in tempo per il coprifuoco. Siamo stati ospitati da una famiglia con 10 bambini. Sono persone molto gentili. Più tardi siamo andati oltre… 09.03.22 Siamo a Stryi (regione di Leopoli) con i nostri parenti. Di notte è stato annunciato un raid aereo in tutta la regione di Lviv. Mia madre, il gatto e io ci siamo nascosti in bagno. Non c’era nessun collegamento con mio padre. 11.03.22 Finalmente ci siamo messi in contatto con mio padre, ci ha raccontato cosa stava succedendo a Chernihiv e ci ha detto che era bene che partissimo. La mamma pensava a come portare via papà da Chernihiv. 13.03.22 La mamma trova un’auto con persone che stanno partendo e papà va con loro. 16.03.22 Arriva papà. Siamo di nuovo insieme. Ma non per molto. I miei genitori vogliono che andiamo all’estero. E decidono di farlo. Il 20.03.22 saliamo sull’autobus Leopoli-Varsavia con mia madre. Papà rimane in Ucraina. Non viaggiamo da soli, ma con i nostri amici. Abbiamo aspettato alla frontiera per circa 5-6 ore. 21.03.22 In Polonia, veniamo prelevati da un’auto e mandati in Lituania. I primi giorni sono stati come una nebbia, non capivamo cosa, dove e come. Ma in Lituania siamo stati accolti bene. Un mese dopo, mia madre ha scoperto di essere incinta. Delle brave persone ci hanno aiutato e mia madre ha trovato lavoro in una scuola lituano-polacca come insegnante di lingua ucraina. Ora ho una sorella. Papà fa il volontario in Ucraina. Ho trovato molti conoscenti e amici in Lituania. Tutti i progetti che la Lituania ha messo a disposizione degli ucraini mi hanno aiutato a sentirmi meglio. Questa non è la fine della mia storia, continuerà… E spero che in futuro sarò circondato da persone buone e sincere. Non riesco a parlarne [dell’Ucraina] con calma. Ho paura di non poter più tornare a casa mia. Ma capisco che è impossibile andarci ora, non è ancora sicuro. Mia nonna e mio padre sono già abituati alle sirene, ed è molto spaventoso rendersi conto che non può essere così. Sì, voglio tornare in Ucraina, forse anche per una nuova residenza.
Questa foto mostra il mio cane Knopa. Durante il viaggio è stata al mio fianco e mi ha sostenuto come nessun altro. Era sufficiente per me che lei fosse lì, provando a giocare con me, il che mi incoraggiava e mi rendeva felice. Sono molto contento che ora sia con noi e che sia viva. Quando mi sono trasferito in Lituania, la mia famiglia e io abbiamo affrontato un solo problema: ricominciare da capo. Qui non avevamo conoscenti, amici, nessuno. Eravamo completamente soli. Dopo essermi trasferito qui e per un po’ di tempo ho iniziato ad andare in palestra, a disegnare molto, a scrivere i miei lavori, ho iniziato a ricamare molto e a fare passeggiate. È stato anche qui che ho sviluppato una passione per il pallavolo. A volte mi sento molto triste perché mi ricordo tanti momenti belli che mi sono capitati nei periodi pre-guerra e durante la guerra. Ad essere onesto, mi piacerebbe davvero tornare nella mia città per viverci, ma dubito che sarò in grado di farlo a causa della situazione militare e del minamento della mia città.
Questa foto è dell’ultimo incontro con i miei amici. Ogni giorno [l’Ucraina] assomiglia sempre di più alla Corea del Nord. Mi piacerebbe andarci per due o tre settimane, ma attraversare il confine e stare lì [in Ucraina] fa paura.
Questa foto ha un significato molto profondo nella mia vita, perché noi, come tutti gli altri ucraini, abbiamo avuto molte difficoltà a lasciare la nostra città natale. Partivamo con due gatti che avevano paura anche loro delle esplosioni e dei rischi per la loro vita. Quindi per me, questa foto descrive tutti i momenti difficili della mia vita. Quando la mia famiglia e io ripensiamo ai ricordi che abbiamo avuto in Ucraina, probabilmente ci manca molto quel tempo e probabilmente rimpiangiamo di non aver valorizzato abbastanza la vita prima della guerra, perché non potevamo immaginare che questo potesse accadere alla nostra cara Ucraina. Ecco perché questi sentimenti sono più tristi che felici. Sì, certamente. A me e alla mia famiglia manca la nostra casa.
Questa foto è molto importante per me. L’ho scattata quando ero a un concerto con un amico che non vedevo da molto tempo. Dopo il trasferimento, era difficile capire le persone a causa della lingua, e fare alcuni documenti. Mi sento un po’ triste quando parlo dell’Ucraina che non sono a casa ora. Mi piacerebbe incontrare tutti i miei parenti e poi tornare [in Lituania].
Questa è una foto del vulcano Batur, mostra che tutto è possibile e non sappiamo mai dove ci porterà il nostro difficile e tortuoso cammino. Questo posto mi è piaciuto molto, è molto animato e pacifico. Abbiamo trovato pace dopo aver lasciato questo paese. Abbiamo avuto un viaggio molto difficile attraverso il confine dell’Ucraina, viaggiando in auto sotto il fuoco, poi in un treno affollato, e attraversando il confine per molto tempo. Durante il mio tempo in Lituania, ho anche preso il terzo posto nella Coppa Enduro Lituana e partecipo a varie competizioni di ciclismo su strada. È rassicurante e a volte triste parlare dell’Ucraina, ma non abbiamo parenti lì, nulla. Mi piacerebbe restare in Lituania.
L’ultima foto che ho scattato nel giardino di Poltava prima della guerra. Mi rattrista quando parliamo dell’Ucraina. Vorrei poter tornare.
Nei primi giorni della guerra, quando non c’era più cibo nei negozi, avevamo caviale di luccio pescato da mio zio e abbastanza pane e burro. Per me, questa foto mostra che, non importa quanto siamo completamente diversi io e i miei parenti, restiamo uniti e ci sosteniamo a vicenda. Per me, è stato un grande successo trovare amici in Lituania perché in Ucraina avevo quasi nessun amico. Penso che il problema più grande che abbiamo affrontato durante il trasloco sia stata la separazione da mio padre e da zia e zio, siamo una famiglia e siamo abituati a superare insieme le difficoltà, e ora siamo tutti divisi in tre. Mi mancano molto e voglio tornare a casa, voglio abbracciarli tutti e baciare il gatto. Volevo andare al KNMU a Kharkiv, ma capisco che studiare in Europa è più richiesto, quindi mentre ho questa opportunità dovrei approfittarne, ma sono più che sicuro di voler andare a Kharkiv e visitare appena possibile.
Questa foto è del mio gatto domestico, è seduta sulla moto di mio padre, davanti alla nostra casa. Mi manca molto l’Ucraina e vorrei tornare a far visita.
Questa foto mi ricorda che ci sono persone buone e le cose buone tornano sempre, stavamo lasciando l’Ucraina e una persona ne ha saputo e poi ha detto a un’altra, ed era il proprietario di un ristorante. Quest’uomo ci ha dato da mangiare gratis, perché non avevamo mangiato per circa un giorno. Ho sentimenti contrastanti parlando dell’Ucraina. Mi piacerebbe tornare a vivere lì se la guerra finisse, ma visitiamo ogni anno.
Questa foto è la vista dalla mia finestra, nella mia casa, a Odessa. E quando ci siamo trasferiti, è stato difficile trovare una casa perché i parenti con cui avremmo dovuto vivere ci hanno abbandonato. Ma in qualche modo, con dolore ai piani, siamo sopravvissuti e ci siamo trasferiti in Lituania. Dopo il trasloco, ho trovato molti hobby e amici. Non parlo con loro [famiglia] di queste cose [Ucraina]. Mi piacerebbe visitare l’Ucraina.
Per me, questa foto ha un grande significato perché è associata a Kharkiv, ai giorni di allenamento e ai campi di allenamento. Quando ci siamo trasferiti, abbiamo affrontato problemi finanziari, è stato molto duro, ma dopo un breve periodo di tempo, è andato molto meglio. Ho fatto molte amicizie vere e ho molta famiglia in Lituania. Tutto è doloroso, tutti sono molto tristi, mentre parliamo dell’Ucraina. Mi piacerebbe visitare la mia famiglia [in Ucraina].
Questa foto è stata scattata con il mio amico più caro, che mi manca immensamente. Camminavamo sempre in questo parco. Questa foto mi dà un senso di casa, di sicurezza. Ci sono state molte sfide, principalmente il fatto che viaggiavamo senza alcuna assicurazione, ma fortunatamente abbiamo avuto la fortuna di incontrare una famiglia con cui abbiamo potuto stare per un po’. Cerco di evitare conversazioni aperte perché questo argomento è molto traumatico per me. Ho paura di discutere le notizie che accadono nel mio paese, mi procurano molto dolore. Voglio venire a far visita, ma ho molto paura di tornare a vivere lì in modo permanente.
Ho solo bei ricordi di questo posto, usavo andare a passeggio con i miei amici e lì accadevano storie divertenti: una mattina, mi sono svegliato e come al solito ho iniziato a prepararmi per la scuola, mi stavo preparando e mia madre è venuta e mi ha chiesto dove stessi andando, ho detto a scuola e lei ha detto quale scuola, la guerra è in strada, all’inizio non ci credevo pensavo scherzasse, e poi sono andato a leggere le notizie e davvero, ero sotto shock e non potevo crederci, pensavo fosse un sogno. Dopo 2 settimane, abbiamo iniziato a fare le valigie e mio padre insisteva che dovessimo partire, mia nonna viveva con noi e volevamo che venisse con noi, ma lei si rifiutava di partire, piangevo molto. Avevamo concordato che saremmo andati con la madrina di mio fratello attraverso la Polonia verso la Lituania, ma all’ultimo momento quando dovevamo partire, lei se n’è andata attraverso la Moldavia, e i miei genitori hanno pensato, e Dio sia con lei, siamo passati anche noi attraverso la Moldavia. Siamo arrivati al confine tra Ucraina e Moldavia in taxi e poi a piedi. Quando abbiamo attraversato il confine, abbiamo incontrato persone che aiutavano gli altri con acqua e cibo. Le persone hanno iniziato ad avvicinarsi a noi e a offrirci acqua e cibo, ma mia madre ha rifiutato tutto e un uomo ha chiesto dove stessimo andando, mia madre ha detto che dovevamo andare a Chisinau e lui si è offerto di darci un passaggio gratis. Ero sotto shock e pensavo che mia madre avrebbe rifiutato, ma lei ha accettato. Ero spaventato, perché un uomo sconosciuto in un paese sconosciuto ci offre un passaggio gratis. Ma mia mamma ha accettato 😵, ho dormito tutto il viaggio perché piangevo molto e ero stanco di tutto lo stress. Ci ha portati a Chisinau e sono rimasto sotto shock quando ha preso le nostre borse, le ha aperte e ha messo un paio di bottiglie d’acqua dentro 😨. Dopo di che, gli amici di mio padre sono venuti a prenderci e siamo rimasti con loro per una settimana, dove ho fatto amicizia con la figlia degli amici di mio padre, aveva 23 anni 🙂. Poi è arrivato mio padre e siamo rimasti con loro per un’altra settimana, e poi mio padre ha pagato alcuni zii e ci hanno portato in Lituania 🙂. Sono ancora sotto shock da parte di mia madre, ma lo zio che ci ha guidato a Chisinau era figo e ogni volta che mi ricordo di lui sorrido. Quando parlo con i miei parenti che sono rimasti in Ucraina al telefono, mi siedo nell’angolo della stanza e mi sento triste, e dopo aver parlato con loro mi sento triste per un paio di giorni. Voglio davvero visitare mia nonna in Ucraina per almeno una settimana.
Questa foto è stata scattata con i miei amici, che mi mancano tanto. Uscivamo sempre insieme e ci divertivamo tanto. Questa foto è stata scattata il 22 febbraio, prima della guerra. Questa foto mi dà un senso di casa, che sono al sicuro e che sono nel mio ambiente. Parlare del proprio paese d’origine e della guerra può evocare tristezza, ansia, preoccupazione e persino paura. È un argomento complesso e carico di emozioni che può scatenare reazioni diverse in persone diverse. Emozioni forti, ricordi del passato e preoccupazioni per il futuro possono sorgere in tali conversazioni. Sì, voglio davvero tornare a casa…
Questa immagine rappresenta il momento in cui eravamo seduti al confine polacco e non avevamo idea di cosa sarebbe successo dopo. Parlare dell’Ucraina mi dà bei ricordi.
Il viaggio è durato 4 giorni, è stato duro, non potevamo dormire o mangiare, sentivamo sempre la sirena e i suoni forti ci spaventavano, i peggiori ricordi della mia vita. Dopo la migrazione, la vita è migliorata, tutta la famiglia è insieme, anche se lontano da casa, ma l’importante è che siamo vivi. Vado a scuola, ballo, gioco a pallavolo e ho l’opportunità di svilupparmi come persona. Da un lato, sono orgoglioso della mia patria forte e indistruttibile, dall’altro, ho le lacrime agli occhi per quello che sta succedendo in Ucraina, ma stiamo ancora aspettando la vittoria! Fatico a chiamare Ucraina casa. Vorrei visitarla solo come ospite.
Questo è un giocattolo che la mia migliore amica ha fatto per me, siamo amici fin dall’infanzia. Ora rimane sotto occupazione senza possibilità di partire. Me lo ha dato come souvenir del nostro ultimo incontro. Mi manca molto l’Ucraina, sento ingiustizia perché non posso tornare a casa a causa dell’occupazione. Chiedo ai miei genitori di andare in Ucraina, ma dicono che è pericoloso. Sì, naturalmente voglio visitare la mia famiglia. Tornerò a vivere dopo che la guerra sarà finita.
Questa foto è una torta fatta da una famiglia che ci ha accolto dopo che siamo emigrati. Ci ha mostrato che eravamo accettati qui e che erano pronti ad aiutarci in qualsiasi modo potessero. Dopo aver vissuto qui per molto tempo, naturalmente, abbiamo capito che ci sono più opportunità qui che in Ucraina, come paese dell’UE. Dal momento che mio padre viveva qui da un po’ di tempo, non è cambiato molto nella sua vita. Ma qui mia madre è stata in grado di avanzare nel suo lavoro. Ha notato che in Ucraina il suo lavoro non era apprezzato come qui. Quando si parla del mio paese natale, sento immediatamente un senso di urgenza, un desiderio di tornare a casa. Ma allo stesso tempo, ti rendi conto che il posto in cui vivo ora è come una seconda casa, e c’è un’incomprensione su se voglio davvero tornare lì o stare a casa. Forse più di tutto, vorrei tornare lì come ospite, e venirci regolarmente come se fosse casa, ma come se fossi un ospite.
Ero molto triste di lasciare i miei parenti e la mia amata gatta, che è stata con me per 9 anni, mi ha guarito, veniva sempre da me quando ero triste, ma quando sono partito, ho dovuto lasciarla con mia nonna. Mi vergogno perché ho lasciato la mia città e i miei parenti sono sotto il fuoco. Voglio tornare a casa, ma capisco che è pericoloso nella mia città e il mio futuro non può essere così buono come all’estero, ma vorrei andare almeno per qualche settimana.
Questa foto cattura il momento in cui siamo arrivati in un nuovo paese, simboleggiando la speranza e le sfide che ci attendevano. La sfida più grande è stata superare la barriera linguistica, ma nel tempo non solo ci siamo adattati, ma abbiamo anche raggiunto significativi successi: abbiamo trovato lavoro, ci siamo uniti alle comunità locali e abbiamo fatto nuove conoscenze. Mi sento triste perché mi manca il mio paese natale, ma mi rendo anche conto che finché ci sarà la legge marziale, starò meglio all’estero. Parlare del mio paese natale con la mia famiglia evoca nostalgia e emozioni miste, rafforzando il legame con le radici e l’eredità. Sì, vorrei andarci per un po’ per visitare la mia famiglia e i miei amici.
Questa foto è molto importante per me perché questo mare è a Odessa e Odessa è il posto dove ho vissuto e sono nato. Andavamo al mare molto spesso. Le conversazioni con i parenti sull’Ucraina aiutano a mantenere il contatto con i ricordi condivisi. Sì, voglio tornare in Ucraina.
Questa foto descrive lo stress che io e la mia famiglia abbiamo subito a causa del trasloco in un nuovo paese. È stato difficile per tutti noi, tutti erano nervosi, anche il cane. Ora ci stiamo adattando, ma ci mancano molto i vecchi tempi. Tutti i miei parenti sono rimasti in Ucraina, e ora solo mia madre è con me. È molto doloroso ricordare cosa è successo, ma ci sosteniamo a vicenda. Ho il desiderio di vedere tutta la mia famiglia e i miei amici, ma per quanto possa sembrare strano, andrò nella mia patria a far visita.
Questa foto è stata scattata quando sono tornato a casa dopo che è iniziata la guerra. Era molto triste vedere le strade senza persone e luce. C’erano pochissimi lettini, tutto nei negozi era molto costoso, luce e acqua venivano date un giorno sì e uno no (nella migliore delle ipotesi), ma nonostante questo, volevamo rimanere a casa. La mia famiglia e io discutiamo solo dei tempi felici, ricordiamo come ci sentivamo a casa. Sì, ho il desiderio di tornare a casa, ma ormai penso che qui sia tutto troppo difficile per me, quindi verrò sicuramente a far visita.
Era l’ultima ora prima che partissimo, ed era anche la maggior quantità di neve di quell’inverno. Per me, è un ricordo caro dei meravigliosi inverni della mia infanzia e dell’ultimo regalo che la mia città natale aveva in serbo per me. Sfide che la mia famiglia ha affrontato durante la partenza: un attraversamento del confine molto lungo di notte, diversi chilometri a piedi. Provo una tristezza calda e un fortissimo rimpianto perché mi manca tanto la mia casa [Ucraina]. Sì, voglio visitare i miei amici e parenti. Vedere di nuovo la mia terra natia e sentire le vecchie sensazioni.
Ho scattato questa foto quando la mia famiglia stava lasciando Kharkiv per la regione di Zakarpattia. Viaggiavamo per un’intera settimana in due auto e non sapevamo cosa sarebbe successo dopo. Durante le conversazioni sull’Ucraina, di solito mi sento ansioso e preoccupato per tutta la mia famiglia rimasta a casa. Voglio davvero tornare a casa per un po’ e vedere la mia famiglia.
Questo è l’ultimo regalo che ho inviato alla mia migliore amica prima di partire per la Lituania. Prima di andare all’estero, ho trascorso alcune settimane nell’Ucraina occidentale. Poiché era più sicuro e i negozi erano aperti, ho deciso di usare i miei ultimi risparmi per comprare un regalo per la persona più vicina a me che era stata costretta a festeggiare il suo compleanno in un rifugio antiaereo. Rispetto al mio stato all’inizio della guerra, ora sono più rilassato e sento solo un po’ di nostalgia di casa. All’inizio, qualsiasi conversazione mi faceva piangere. Ora sto pianificando di continuare i miei studi in Lituania e non ho piani specifici per il futuro, ma vorrei sicuramente tornare a far visita alla mia famiglia.
Questa foto mi ricorda che la mia vita è cambiata per sempre, ora la mia vita è divisa in prima e dopo. E non solo simbolicamente, è separata da migliaia di chilometri. È molto difficile per me ascoltare i racconti dei miei nonni su come stanno le cose nella mia città, nel mio quartiere, e ogni volta che torno, spero che stiano bene. Per quanto mi piacerebbe tornare, capisco che è impossibile, ma spero di poter tornare in Ucraina un giorno non come turista.
Questa foto è stata scattata al confine con la Polonia, è stato un periodo molto difficile per me perché non volevo lasciare il mio paese natale. Di solito, mi rattristo e inizio a preoccuparmi molto [quando parlo dell’Ucraina], perché nonostante sia passato molto tempo, la guerra è ancora un argomento molto doloroso per me. Mi mancano molto l’Ucraina e la mia città natale. Quindi spero che nel prossimo futuro potrò andare a vedere la mia famiglia e i miei amici.
Questa è una foto di una città in Lituania che ho visitato quando è iniziata la guerra, e ho molti ricordi e difficoltà che ho vissuto in quella città. Ogni volta che parlo con i miei genitori della guerra, è sempre molto difficile per me mentalmente, ma voglio davvero che tutto vada bene. Voglio davvero vedere la mia famiglia e mi mancano molto.
Queste sono le autografi dei miei primi amici qui, ora non comunichiamo più, ma allora mi hanno salvato. È molto difficile per mia madre vivere in due paesi, perché qui siamo con mio fratello e me, e in Ucraina suo marito e suo padre sono in Ucraina. I miei successi sono che sono diventato più aperto, ho migliorato il mio inglese e ho scoperto le mie capacità di comunicazione. Mi manca [l’Ucraina], ma penso che ci siano più opportunità qui [in Lituania].
Questa foto ha un grande significato per me perché mi ricorda quando abbiamo lasciato l’Ucraina per la Lituania e quanto tutti erano spaventati dal nuovo paese. Quando ci siamo trasferiti, abbiamo affrontato una barriera linguistica, ma ora capiamo molto meglio il lituano. Subito voglio piangere quando parliamo dell’Ucraina, ma per qualche motivo non voglio tornare a casa. I ricordi della partenza dall’Ucraina tornano. Mi sento ansioso per il mio paese natale e ho paura per i miei amici e la mia famiglia. Mi piacerebbe andare nella mia città natale a far visita, ma se dovessi vivere in Ucraina, sicuramente non sarebbe a Chernihiv, ma da qualche parte nell’ovest.
Torna in alto